Skip to main content

IO SO

Io so
(variazioni su un tema di Pasolini)


Io so i nomi dei responsabili di quel fenomeno che i mass media definiscono “globalizzazione” e che invece si dovrebbe chiamare più correttamente “mondialismo”, parola che indica la volontà ideologica di arrivare a un governo unico per il mondo.

Io so i nomi di chi ha cancellato la sovranità territoriale e monetaria di intere nazioni, per trasferire il potere politico nelle istituzioni internazionali che stanno asfissiando i popoli.

Io so i nomi di chi ha voluto una progressiva dequalificazione della scuola, abbassando il livello della preparazione per impedire alla radice la possibilità di selezionare una classe dirigente, in modo che i ceti dominanti possano perpetuare la loro egemonia negli esclusivi circoli mondialisti, dai quali sono escluse le classi subalterne.

Io so i nomi di coloro che, nascondendosi dietro il pretesto dell’antirazzismo, dirigono i flussi migratori per destabilizzare le nazioni e per instaurare la società multicriminale.

Io so i nomi di chi ha architettato un piano per la carcerazione preventiva dei Bianchi in quanto potenziali razzisti.

Io so i nomi degli iniziati che, tra una Messa e l’altra, hanno spalancato le porte all’invasione musulmana, e so anche i nomi degli “spiriti laici” che hanno predicato l’ateismo e che ora costruiscono moschee.

Io so i nomi dei vertici che organizzano attentati e stragi per trascinarci in guerre assurde che sono contro i nostri più elementari interessi.

Io so i nomi dei gruppi di potenti che hanno sabotato automobili e aerei per eliminare i leader politici euroscettici.

Io so i nomi degli illuminati che stanno approntando leggi che, con l’aiuto della pressione fiscale, saranno in grado di smantellare alla svelta il diritto alla proprietà privata, e so anche che da queste leggi saranno esentate…le banche!

Io so i nomi degli scienziati pazzi che utilizzano sofisticate tecnologie per il controllo del clima, e che hanno messo il loro sapere al servizio del male mondialista.

Io so i nomi di coloro che diffondono droghe negli acquedotti, che utilizzano antenne Tetra, che spargono sostanze stupefacenti con le scie chimiche per intontire un’opinione pubblica già rimbecillita dai mass media del regime mondialista.

Io so i nomi di chi ha diffuso nell’aria le “smart dust”, polveri intelligenti che possono modificare i nostri stessi pensieri.

Io so i nomi di chi ha immesso estrogeni, ftalati e altre sostanze chimiche nei cibi e nelle bevande per alterare le identità sessuali, in modo da decostruire le personalità a partire dalle fondamenta più elementari.

Io so i nomi delle persone serie e importanti che hanno trasformato il diritto di famiglia in uno strumento per l’esclusione sociale dei maschi, uno strumento che ha gettato sul lastrico milioni di padri separati, creando uno scenario di disgregazione sociale che mai si era visto nella storia.

Io so i nomi di chi manipola il linguaggio presentando come un diritto quella prevaricazione cinica sui dati di fatto e sul buon senso che è la legalizzazione dell’aborto.

Io so tutti questi nomi e so tutti i fatti (attentati alle istituzioni e stragi) di cui si sono resi colpevoli.

Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.

Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà, la follia e il mistero.

Tutto ciò fa parte del mio mestiere e dell'istinto del mio mestiere. Credo che sia difficile che il mio "progetto di scrittura" sia sbagliato, che non abbia cioè attinenza con la realtà, e che i suoi riferimenti a fatti e persone reali siano inesatti. Credo inoltre che molti altri intellettuali sappiano ciò che so io in quanto intellettuale. Perché la ricostruzione della verità, a proposito di ciò che è successo col mondialismo, non è poi così difficile…

questo brano è tratto dall'ebook:




Comments

Popular posts from this blog

Il filosofo della disperazione

Metafisica dell’addio
Antonio Di Gennaro ha pubblicato una raccolta di studi dedicati ad Emil Cioran sotto il titolo suggestivo di Metafisica dell’addio. Le ricerche di Di Gennaro enucleano i temi portanti della filosofia di Cioran indicando strade di ricerca per uno sviluppo dei temi proposti dal pensatore rumeno, che nell’epoca del nichilismo trionfante emerge in tutta la sua gigantesca statura.
La filosofia come “ermeneutica delle lacrime”, la necessità della preghiera pur nella consapevolezza dell’assenza di Dio, l’incoscienza del sonno come liberazione suprema…
I concetti che avevano trovato per la prima volta in Giacomo Leopardi una voce significativa, in Cioran vengono dilatati e portati all’esasperazione, fino a configurare quella che Di Gennaro definisce come una vera e propria “patosofia”, ovvero un pensiero che nasce dalla sofferenza, dal male di vivere e dal sapersi di troppo in questo mondo.
Di Gennaro individua un percorso di Cioran verso una involuzione della coscienza, fin…

Lessicografia medievale

Gli studi sulla lessicografia medievale sono un importante punto di riferimento per la conoscenza di quella splendida stagione letteraria rappresentata dalla latinità medievale: un patrimonio di eccezionale vastità dal punto di vista quantitativo e di straordinaria ricchezza e versatilità, che merita una diffusione maggiore di quella che ha avuto finora.
I lessici medievali erano vocabolari latino-latino ad uso delle scuole, ma erano utilizzati anche da persone colte che avevano interessi letterari e filologici. Non si deve, naturalmente, pensare che i lessici medievali fossero simili agli odierni vocabolari. Prima di tutto si usava elencare le parole non solo e non sempre in ordine alfabetico, ma anche seguendo lo schema della derivatio, ovvero si partiva da una parola per poi elencarne tutti i composti e i derivati. Inoltre la stessa scelta delle parole che si trovano in questi vocabolari, era solo in parte dettata dall’esigenza di elencare in uno scrupoloso ordine alfabetico le paro…

Il "silenzio" di Claudio Catani

Claudio Catani ama dire di se stesso che scrivendo poesia ha perso una grande occasione: quella di stare zitto!
Ma se Claudio Catani fosse stato zitto l’umanità non avrebbe potuto ascoltare una delle voci poetiche più dense e geniali del XXI secolo.
Fortunatamente Catani ha pubblicato le sue poesie, vincendo un’istintiva avversione per la comunicazione coi suoi simili e offrendo al pubblico la testimonianza culturale di un autore che può a buon diritto essere annoverato tra i grandi apolidi dell’esistenza che, proscritti dal genere umano, hanno sublimato il dolore esistenziale in una scrittura cristallina.
Il primo libro di Claudio Catani è Frammenti d’essere. Questa silloge evidenzia i caratteri distintivi della poesia di Catani: un’espressione scarna e asciutta, un linguaggio colto che lascia trasparire la solida cultura classica dell’autore, un verso breve e incisivo che fissa la parola in immagini dai tratti forti e decisi. Catani si addentra nel buio del nichilismo con passo sicuro,…